Tra la SABBIA e il CEMENTO

Tra la SABBIA e il CEMENTO

La fotografa e stilista Karine Candice Köng parla della sua casa da sogno minimalista CASA PYLA sulla costa atlantica francese.

La sabbia risplende al sole del mattino. Le canne ondeggiano in una brezza leggera, dietro di loro brillano le fresche acque dell’Atlantico. Dopo 23 frenetici anni trascorsi a Londra, Karine Candice Köng è tornata nella sua patria francese sulla costa atlantica vicino a Bordeaux. A soli due minuti dalla spiaggia di Le Moulleau la fotografa e stilista ha creato un rifugio che funge sia casa che da spazio di lavoro creativo: CASA PYLA. Grazie alla visione di Karine una vecchia villa sul mare è stata trasformata in una casa da sogno in stile moderno e minimalista . Con l’installazione di BORA Pure la cucina ora soddisfa anche le esigenze tecnologiche più all’avanguardia soddisfacendo al contempo anche il senso del design di Karine. Un luogo che ama condividere: i professionisti creativi possono prenotare CASA PYLA per servizi fotografici e workshop, mentre durante i mesi estivi Karine affitta la sua casa tramite Airbnb a chi vuole trascorrervi le vacanze.

Testo: AYLA AMSCHLINGER

Foto: STEPHANIE FÜSSENICH

Dal vecchio al nuovo

“Questo è il quarto progetto per il quale ho messo sottosopra un’intera casa. Volevo creare qui la mia nuova casa, qualcosa di molto contemporaneo e moderno. Perché in realtà mi sono stancata di ristrutturare intere case”. Nella sua cucina, davanti a una tazza di tè, Karine apre il suo computer portatile e sorride. “La che avrei fatto più volentieri sarebbe stata acquistare un pezzo di terra e metterci sopra un cubo quadrato. Voilà, ecco fatto! Quando l’agente immobiliare mi ha mostrato questa proprietà, all’inizio non mi piaceva affatto. CASA PYLA è una casa davvero vecchia, stipata di mobili terribili, molto buia, molto poco lineare. Quindi l’esatto contrario di ciò che mi piace veramente”. Karine scuote la testa. Come fotografa apprezza la luce naturale e i colori neutri, un’estetica dalle linee chiare e pulite permea il suo lavoro, i lookbook e i suoi canali social. Alla fine però è stata la vicinanza alla spiaggia a convincerla ad acquistare la casa. Da allora nessuna stanza è stata lasciata intatta, solo i muri esterni e la scala di legno sono rimasti quelli originali.

Colori neutri e luce naturale incontrano linee pulite e cemento levigato

Come per la precedente casa londinese Karine e suo marito hanno pianificato da soli ogni fase della ristrutturazione. Con lei nessun dettaglio viene lasciato al caso: tutte le singole fasi del makeover di CASA PYLA sono documentate sul suo blog, BODIE and FOU. “La cosa più importante per me era avere molta luce naturale nella casa. Ecco perché abbiamo aggiunto, ad esempio, delle finestre qui in cucina” afferma Karine indicando verso l’alto. “Le abbiamo posizionate relativamente in alto così i vicini non possono vedere dentro e noi possiamo vivere indisturbati. In ogni casa in cui abbiamo vissuto finora, abbiamo anche cercato di utilizzare le tecnologie all’avanguardia o di usare materiali diversi. BORA si adattava quindi perfettamente al nostro concetto”. Dopo una cucina completamente bianca a Londra questa volta Karine ha optato per colori tenui e sfumati nella zona cucina-pranzo open space e per materiali più robusti. “L’ho imparato dopo la ristrutturazione di tre cucine! Il legno è molto bello da vedere, ma non è pratico come superficie di lavoro. Mi piace molto la pietra acrilica come il Corian perché è molto piacevole al tatto. Però tende anche a macchiarsi rapidamente. Ora sia il pavimento che il piano di lavoro della cucina sono realizzati in cemento levigato. I prossimi mesi ne mostreranno la funzionalità”.

Minimalismo pieno di vita

Il senso estetico di Karine combina un elegante minimalismo con un pizzico di “je ne sais quoi” francese. È in grado di trovare soluzioni dalle linee perfette anche per le necessità pratiche di tutti i giorni. Dopo tutto le stanze di CASA PYLA dovrebbero essere allo stesso tempo un luogo di ritiro e uno spazio creativo. “Minimalismo a parte, lo spazio di stivaggio è importantissimo per me. Così la casa sembra sempre ordinata e pulita. Pur essendo minimalisti, non ci si può sbarazzare di tutto” ammette Karine. In cucina, in particolare, forma e funzione devono quindi coincidere, soprattutto quando è Steve, il marito di Karine, a preparare la cena per la famiglia. “Io non sono una gran cuoca, ma mio marito è un appassionato di cucina”. Karine accarezza il piano di lavoro e indica l’isola di cottura. “Ama particolarmente scottare la carne a fuoco molto alto e questo crea molto fumo. Qui in cucina abbiamo dei soffitti molto alti, più di tre metri. Un enorme cappa aspirante appesa al soffitto sarebbe davvero d’intralcio alla stanza. Sono incredibilmente entusiasta del sistema di aspirazione integrato BORA Pure, anche in termini di design”.

Un luogo dove tutti si riuniscono

Combinare la zona cottura con la zona pranzo e anche pensare alla cucina come uno spazio creativo era particolarmente importante per Karine. Intorno al lungo tavolo da pranzo tutta la famiglia si riunisce più volte al giorno. “Amiamo mangiare! E parlare di cibo” afferma con entusiasmo. Molti potrebbero considerarlo insolito: tra luglio e agosto Karine subaffitta completamente la sua casa, artisti e creativi invece possono prenotare giornalmente le spaziose camere tutto l’anno. La cucina di CASA PYLA è anche aperta per workshop ed eventi. Mentre il marito di Karine, Steve, ha allestito il suo ufficio al piano superiore, la fotografa preferisce lavorare con il suo portatile sul tavolo da pranzo. “Questo è il mio ufficio! Lavorando sul tavolo sono anche sempre in cucina e posso fare il tè. Ne bevo circa otto tazze al giorno” ride Karine.

A casa tra la natura e le proprie quattro mura

Nei giorni di luce CASA PYLA risplende come un granello di sabbia lucente, mentre in sottofondo si sente il rumore del mare. “Ogni giorno qui è come una vacanza” afferma Karine. “Eppure io abito, vivo e lavoro in questa casa. Per me la casa è un luogo dove posso sentirmi a mio agio e che riesce ad ispirarmi visivamente. Quindi il meglio di tutti i mondi”. Dopo più di un anno di lavori di ristrutturazione, tuttavia, Karine ha sostituito nuovamente il pennello con la macchina fotografica. Catturare la luce e le onde dell’Atlantico: queste ultime preferibilmente con una tavola da surf sotto i piedi.

BORA INSIDE

BORA INSIDE